Fungaia (c.da Balate)

Nell’ a.s. 2007/08 è stato recuperato un locale interrato risalente presumibilmente a quando il convento, che oggi ospita il convitto, era sede delle attività della Gioventù Italiana del Littorio, presumibilmente adibito a spogliatoio per le competizioni che si svolgevano nella soprastante area munita di una piccola tribuna in muratura ancora esistente. Le varietà di funghi coltivate sono il Pleurothus ostreatus (Gelone) ed il pleurothus eringii (cardoncello).